18 - 12 - 2014
Martedì, 16 Dicembre 2014

SinFonie in Palestra (o era sinTonie?)

di Fabrizia Ieluzzi

È sabato 13 dicembre mattina, ancora un paio d'ore e inizia il corso Rhythm & Business.
Al nostro arrivo Ale suona la chitarra e canta, Elia è alla batteria e Paolo cerca di tenere con un tamburello cembalo. Sorrisi familiari e allegria sono la vera colonna sonora, in un attimo ci si sente tutti a casa in perfetto Palestra style.

 
di Elia Perboni

La parola ritmo, dal greco rhytmus deriva dal verbo greco reo, che significa scorrere.
E che cos’è la nostra vita, se non un andamento ritmico? Che coinvolge ogni attimo, fin dalla nascita, tutto il nostro tempo, tutto lo spazio della nostra presenza.

di Elia Perboni

Preparando il corso R&B, Rhythm and business, che si tiene il prossimo 13 dicembre a Sesto San Giovanni, il nostro collega giornalista-batterista Elia Perboni ci introduce al valore del ritmo nella natura, nella musica, nella vita delle persone e delle organizzazioni.

==========================================================

Domenica, 30 Novembre 2014

Umorismo e benessere

di Annalisa Pardini

Metti un giorno con Palestra. È il 22 novembre 2014, il corso open, la gente varia, il fine comune: capire e imparare a percorrere vie umoristiche. Umorismo e benessere è il titolo dell’incontro per superare conflitti relazionali, sdrammatizzare situazioni complicate, rendere la vita più facile.

Venerdì, 07 Novembre 2014

#ildesideriodiesserecometutti

di Chiara Lucchini

Da twitter a facebook, la corrente del cancelletto

Dall'inglese hash (cancelletto) e tag (etichetta), gli hashtag sono stati introdotti su twitter nel 2007 per contrassegnare le parole chiave: aggiungendo un cancelletto e togliendo gli spazi fra le parole, si creano delle etichette in modo da indicizzare i contenuti e permettere così agli utenti del web di trovare altri messaggi collegati a un argomento e di intervenire nella discussione, oppure di lanciare nuovi argomenti mettendone in evidenza i punti interessanti.

di Elisabetta Parise

Richiamando la domanda che Renzo Tramaglino poneva a Don Abbondio nel secondo capitolo de I Promessi Sposi, è interessante chiedersi quali possibili applicazioni e quale riscontro trovi la lingua latina nella vita quotidiana.

di Lia Giovanelli

Ecco il mio segreto. È molto semplice: non si vede bene che col cuore.

L'essenziale è invisibile agli occhi.
Voici mon secret. Il est très simple: on ne voit bien qu'avec le cœur.
L'essentiel est invisible pour les yeux.
Il piccolo principe, cap. XXI