29 - 06 - 2017


Relazione, linguaggio e arti marziali

La ricerca

Questa ricerca nasce dalla volontà di recuperare il valore cardine delle buone relazioni, che è lo stesso che sta alla base della filosofia che governa tutte le arti marziali: il rispetto dell’avversario.

Questo nostro studio ha l’obiettivo di portare la cultura marziale nel mondo del lavoro utilizzando il karate come metafora per la formazione professionale, come strumento psico-fisico per leggere, gestire e orientare i rapporti di forza nelle relazioni interpersonali.

Portare quindi i principi che governano il karate nel business: nelle imprese, nelle pubbliche amministrazioni, negli ospedali, nelle banche, nelle assicurazioni, nelle società di produzione e di servizi.

Quante volte, uscendo per andare al lavoro, ci siamo detti: «Vado a combattere». Spesso lavorare è una battaglia. Specie in tempi di crisi, quando bisogna saper ridefinire il senso del conflitto e relativizzare il valore della vittoria, senza cadere nell’inganno dell’occhio per occhio che, come diceva Gandhi, rende ciechi.

L’Arte della guerra, trattato di strategia militare scritto due millenni e mezzo fa da Sun Tzu, è servito per secoli ai generali per prepararsi al conflitto. Oggi è studiato nelle scuole manageriali di tutto il mondo.

I Samurai, eredi della cultura di Sun Tzu, praticavano la via del Budo, ossia la via della conoscenza di sé. Meglio: la via della conoscenza del sé che interagisce con l’altro. 

Che sia sul tatami o in un ufficio, il rapporto con l’altro è il metro di misura della nostra evoluzione come esseri umani, come costruttori di relazioni. Il Budo come metafora dei rapporti di lavoro, dunque. Cercare una via pacifica nelle complesse interazioni professionali. Paradossale? Contraddittorio? Tutt’altro.


Budo e Business - Il libro

Come sempre, anche questa ricerca è sfociata in un libro.

La parola giapponese “Budo” indica il mondo delle arti marziali. L’ideogramma Bu rappresenta due alabarde incrociate, e si legge come “fermare le alabarde”. Do significa “via”. La via per fermare la violenza.

In questo libro usiamo l’arte marziale come metafora delle relazioni nel mondo del lavoro; il Budo come un disinnesco psico-fisiologico di schemi e dinamiche spesso molto dannosi.

Perché dalle alabarde possiamo lasciarci ferire, oppure fermarle. Perché le provocazioni possiamo accettarle, o spegnerle. Perché possiamo fare la guerra, oppure costruire la pace.

Qui trovi ulteriori informazioni sul libro.


Budo e Business - Il corso

E la ricerca, come sempre accade, è diventata un'esperienza formativa. Nel corso Budo & Business portiamo i partecipanti, di solito colleghi, a volta capi e collaboratori, per un paio d’ore sul tatami, a piedi scalzi e in tuta, prima a fare saltelli, piegamenti e addominali, poi a tirare e parare calci e pugni.

E non per finta, sul serio. A coppie, in cerchio, prima a vuoto poi a bersaglio. 

Una volta sperimentato, compreso e sedimentato questo aspetto, proseguiamo con una giornata di aula dove decodifichiamo le attività fisiche e le ricollochiamo nei contesti professionali

 

 

Se sei interessato ad approfondire, contatta Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo..